Sport

Le perle di Diego Armando Maradona

Addio Maradona

Quante cose si potrebbero dire di Diego Armando Maradona!
Io preferisco ricordarlo descrivendo due delle sue tante perle:

03.11.85 | Napoli – Juventus | Campionato

La Juve viene al San Paolo con un biglietto da visita molto eloquente, cioè tutte vittorie. La partita scorre con un tema preciso, un predominio netto ma sterile della squadra di Bianchi. Ma nella ripresa nell’area di rigore Juventina si batte una punizione indiretta per il Napoli. Sulla palla vanno Pecci e Maradona; l’ex Torinese cerca di richiamare l’attenzione dell’arbitro sulla barriera juventina che è effettivamente troppo vicina al punto di battuta. Ma Diego fa un cenno a Pecci come per dirgli: “Non perdiamo tempo! Ci penso io!” Ed infatti la palla calciata con maestria si infila alle spalle di Tacconi, completamente incolpevole. Questa rete è stata definita, giustamente, impossibile! E la Juve dopo anni ed anni viene sconfitta!

10.11.1985 | Inter -Napoli 1-1 | Campionato

La settimana successiva a S.Siro il napoli passa in vantaggio: Cross pennellato di Giordano e tiro angolassimo di Diego dopo un rapido e meraviglioso controllo al volo. Walter Zenga, portiere nerazzurro, commenterà così l’azione: “Quando ho visto Maradona che guardava me invece della palla che stava per arrivare ho capito che non avevo speranze e che sarebbe stato gol…”

Roberto De Angelis

Loading Facebook Comments ...

Leave a Response